Loc. Torre Salinas 09043 Muravera (CA)
Reception +39 070.999708 | prenotazioni +39 070.999166

Territorio

Muravera, il più importante centro del Sarrabus, è famoso per la produzione agrumicola. Il territorio costiero si estende in prevalenza a sud del centro abitato. Questo paese è conosciuto per le sue grandi spiagge: della Foce Flumendosa, di San Giovanni, delle Saline e di Colostrai; oltre quest’ultima si incontra Capo Ferrato, un promontorio di rocce trachitiche. Ancora più a sud si stende per circa 8 km la spiaggia di Costa Rei, con l’omonimo insediamento turistico. Nei pressi si possono visitare anche vari siti archeologici interessanti; in particolare i menhir di Piscina Rei, Nuraghe Scalas e di Cuili Piras.

Riconoscimenti

Il territorio di  Muravera fa parte di Visit South Sardinia, una Destination Management Organization (DMO).
Visit South Sardinia gestisce in modo sinergico ed efficiente il territorio, promuovendo e valorizzando le importanti risorse turistiche della destinazione.
Visit South Sardinia ha superato la selezione, divenendo tra le prime 10 destinazioni turistiche al mondo ad applicare il programma di promozione della sostenibilità; è riconosciuto e sostenuto dalla World Tourism Organization (UNWTO) e dallo United Nations Environment Programme (UNEP).
visitA marzo 2016 Muravera e tutta la destinazione Sud Sardegna ha ricevuto, a Bruxelles, il 1° premio tra le destinazioni sostenibili in tutta Europa.

Logo-Emas

Eco-Management and Audit Scheme (EMAS) è uno strumento volontario creato dalla Comunità Europea al quale ha aderito il Comune di Muravera per valutare e migliorare le proprie prestazioni ambientali. Scopo prioritario dell’EMAS è contribuire alla realizzazione di uno sviluppo economico sostenibile, ponendo in rilievo il ruolo e le responsabilità delle imprese.

Nonostante il territorio di Muravera sia ricco di testimonianze storico-archeologiche, solo alcune di esse sono realmente accessibili per il tramite di sentieri che conducono in loco.

Visitarli permette di vivere esperienze interessanti alla ricerca di luoghi nascosti e misteriosi che ci riportano, attraverso un salto nel passato, a scoprire l’avvicendarsi di storie in un territorio che è stato abitato sin dalla più antica età preistorica, prima della cosiddetta “Civiltà Nuragica”. Di quest’epoca possiamo ancora visitare le domus de janas, tombe scavate nella roccia simili alle abitazioni dei vivi, edificate vicino ai menhir e ai dolmen, isolate o riunite insieme in una necropoli, la cui struttura semplice o complessa variava nelle dimensioni.

Curiosa è l’origine etimologica del suo nome che indicava le “case delle fate o delle streghe”.

Nel III millennio a.C. la Sardegna risente della corrente megalitica del Nord Europa, di cui oggi si possono ancora visitare i complessi di menhir, quasi completamente intatti, rappresentati da lastre di granito infisse nel terreno secondo moduli complessi. La loro costruzione è da ricollegare a finalità religiose pertinenti il culto solare, erano luoghi sacri per le tribù nuragiche per le quali rappresentavano sia la divinità maschile che la fertilità nel culto della loro religione.

HotelTorreSalinas_FolkloreMuravera, situata lungo l’Orientale Sarda a circa 60 km da Cagliari, è il centro più importante del Sarrabus-Gerrei,l’antica sub-provincia del territorio sardo.

Ai piedi delle colline che digradano velocemente verso il mare, il paese vive immerso in un territorio vivace rimasto inviolato per molto tempo, che vanta oggi un patrimonio boschivo di particolare fascino che racchiude in sé ambienti incontaminati dove vivono differenti specie di animali selvatici tra cui cinghiali, cervi e aquile reali e dove la flora,nei vari periodi dell’anno, riserva ai visitatori una moltitudine di colori e profumi. Di particolare interesse è la foresta diBaccu Arrodas, un fitto bosco di macchia mediterranea, attrezzato per il ristoro nelle lunghe passeggiate primaverili dove è possibile visitare l’omonima miniera nella quale si estraeva l’antimonio e l’argento.

Il paese di Muravera, con le sue chiesette e le Torri, rivela una storia di dominazioni e di feudi che si rincorre nei secoli. Proprio sul litorale si ergono la Torre dei Dieci Cavalli risalente al XVI secolo e la torre quadrata delle saline del XVII secolo che, insieme a quelle di Capo Ferrato e di Cala Pira, sono state edificate per contrastare le incursioni saracene. Negli immediati dintorni, le ricche testimonianze di antichi insediamenti umani ci portano indietro di 5000 anni: risale infatti a quest’epoca il complesso megalitico di Piscina Rei, mentre il complesso monumentale della zona di Nuraghe Scalas (neolitico finale), composto da 43 menhir, disposti a gruppi di 3-4-5 elementi infissi profondamente nel terreno nella posizione ortostatica originale, si offre al visitatore con la migliore conservazione di tutta la Sardegna.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi